PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Pegno d'Aurora

Scorre lento il sospiro dell'Aurora,
come rugiada scivola sul sogno notturno
imperlato di frenetica calma.
Il primo sole assapora il tuo viso,
lo trafigge di luce,
lo colora del giorno nuovo.

Sulle note della notte, il tuo corpo,
assopito in morte paradisiaca
aleggia statico cavalcando il Cuore.
Il mattino avanza, le tue membra s'irraggiano,
la brezza di vita soffia di grado sulla pelle.
Con la promessa del ritorno, l'Utopia esile s'infrange.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

13 commenti:

  • vincenzo aruta il 24/06/2011 10:33
    Ritmo armonioso, evoca trepide sensazioni.
    Frenetica calma può significare anche la quiete di un corpo destato dai primi raggi di sole.
  • alfonsa palacano il 03/07/2008 10:31
    struggente tenera poesia che desta emozione,
    Grazie per averci dato modo di conoscerla.
    Buona giornata
  • michela zanarella il 02/07/2008 16:25
    belli i sospiri, l'attesa dei colori, la vita che soffia sulla pelle...
  • sara rota il 05/05/2007 00:05
    Bella poesia, un misto fra l'epica e la modernità... Grazie per la piacevole sensazione che ni hai dato con questa tua opera.
  • Tj R il 25/03/2007 16:05
    Brava Elena, intendevo proprio ciò che tu hai parafrasato e commentato Il mio pensiero è questo, spesso non bastano solo le parole e gli aggettivi più consoni e comuni per esprimersi. Spesso si intende meglio ciò a cui ci si riferisce esaltando l'opposizione e la complementarietà, la funzionalità reciproca di quegli scrigni chiamati parole... Correndo il rischio "stonatura" forse
  • Elena il 25/03/2007 15:37
    la luce trafigge... che la s'intenda fisicamente ( come fotoni) o poeticamente (con l'anima abbastanza vicina alla pelle)... e la frenesia del "sogno notturno" è perfettamente "calma" al corpo disteso, dormiente...(o sbaglio Tj?)
  • Tj R il 25/03/2007 13:13
    Grazie innanzitutto per le critiche mi piacciono se mi aiutano a migliorare! ... volevo aggiungere che era mia intenzione creare dei contrasti, anche attraverso ossimori e personificazioni... per ricondurre il pensiero ad una riflessione magari più profonda . Grazie però
  • Tj R il 25/03/2007 12:47
    Grazie innanzitutto per le critiche mi piacciono se mi aiutano a migliorare! ... volevo aggiungere che era mia intenzione creare dei contrasti, anche attraverso ossimori e personificazioni... per ricondurre il pensiero ad una riflessione magari più profonda . Grazie però
  • Teodoro De Cesare il 25/03/2007 12:20
    non sono un maestro come gli altri, mi piace l'insieme di epicità e di realtà... mi trasformo in maestro solo per il voto: un bel sette!
  • Ezio Grieco il 22/03/2007 00:29
    concordo in tutto con Riccardo, ... e non mi rasserena questo fatto!
    ... e la vita intanto Va!
    Un saluto
    Clezio
  • Riccardo Brumana il 21/03/2007 09:37
    una bella poesia di contenuti soft e abbastanza armoniosa. quel "trafigge" stona un po' a mio parere, avrei usato "riscalda o illumina"

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0