PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Ragni

Strisciate su di me
meravigliose creature.

Fate di me la vostra dimora.
Usate il mio corpo come ritrovo.

Leccate la mia lebbrosa pelle
consacratela con i vostri aliti.

Costruite attorno a me
la nostra cripta di lane.

Abbiate cura della mia anima
come il carceriere del carcerato.

Mostratemi i segreti della natura.
Parlatemi di mostri marini e di succubi.

Sussurratemi alle orecchie
che sono la vostra schiava prediletta.

Consumate la mia carne
e affogate, coi vostri baci, il mio essere.

 

l'autore Nenia Samael ha riportato queste note sull'opera

8 Agosto 2006


un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Floriano Crescitelli il 12/05/2012 22:54
    Originale, il ragno ha diritto a godere ed essere in gioco come ogni essere vivente, un po' dark e macabra con stile

15 commenti:

  • Nenia Samael il 13/05/2012 12:08
    Grazie Floriano, all'epoca era uno stile che mi apparteneva molto.. adesso un po' meno!
  • Nenia Samael il 03/09/2010 08:08
    eeehm... in che senso? XD
  • Marco P. il 02/09/2010 13:00
    ok ho riflettuto...
    Rispondimi sinceramente, più sinceramente che puoi, è vera?
    Questa poesia è vera?
  • Nenia Samael il 20/08/2010 20:06
    Vero, confermo le parole di Loretta!^^
    Grazie per il commento!
  • loretta margherita citarei il 20/08/2010 20:04
    surreale originale piaciuta molto comunque aracne fu punita da minerva non da venere, poichè seppe tessere meglio di lei.
  • Nenia Samael il 20/08/2010 20:02
    grazie Margherita!^_^

    "Perchè" cosa, Marco? Perchè amo ricoprirmi di ragni che mi camminano sulla pelle?
    Me lo chiedo anche io! Ahaahahh!
  • Anonimo il 20/08/2010 19:57
    Cavolo... Interessante, provocante, e anche un pò... ecco... viscida
    Molto brava a far traperlare emozioni in chi legge le tue opere
  • Marco P. il 20/08/2010 19:53
    ... ci sto ancora riflettendo... perchè?
  • Nenia Samael il 20/08/2010 19:32
    Balena Blu, in effetti sembrano muoversi in una danza piuttosto che strisciare, ma volevo dare la sensazione esatta che ho dato ad anna che è aracnofobica! Eheheh...

    Laura, grazie davvero!!! Onorata di ricevere un tuo commento!^_^
    Di che cultura parli? Che cosa bellissima ed interessante!
  • laura cuppone il 20/08/2010 19:11
    La prima superficiale immagine che mi si presenta é quella di Robert Smith in Lullaby"
    ... facendo un giro tra le tue parole mi sono accorta subito d'una parallela, raffinata, somiglianza tra i nostri "scritti"...
    questa poesia che parla di uno degli esseri che io ammiro di più in assoluto, conquista la mia attenzione e mi porta fino al te...
    Queste creature, nella leggenda frutto di una mossa d'invidia di Venere, sono per la mia cultura anche i guardiani di una porta... tra due mondi...
    infatti rompere la ragnatela é rompere un delicato equilibrio...
    lo si può fare solo se il ragno l'ha abbandonata...
    e poi sono dei geni dell'architettura...

    notevole
    anche tu col surreale non scherzi..

    ciao Nenia..
    Laura
  • Anonimo il 20/08/2010 19:06
    TI DIRO' LA POESIA NELL'INSIEME HA UN'OTTIMA LIRICA, PERO' QUEL STRISCIARE NON LO TROVO IDONEO NEL RAGNO CON LE ZAMPETTE CHE HA NON STRISCIA.
    B. B.
  • Nenia Samael il 20/08/2010 18:54
    Ahaahah! I tuoi commenti sono sempre graditi! Grazie Fabio!
  • Fabio Mancini il 20/08/2010 18:53
    Un'ottima poesia dove ti erigi a Dea del Male, ma anche a misteriosa creatura capace di amare oltre l'apparenza ed il pregiudizio. Molto originale nel contenuto. Un sorriso... ma molto, molto, prudente. Fabio.
  • Nenia Samael il 20/08/2010 18:49
    ti ringrazio infinitamente!!!
  • Anonimo il 20/08/2010 18:47
    Perdonami ma i ragni mi fanno profondamenye ribrezzo, ma trovo la tua opera molto interessante anche se, per me, forse troppo criptica.
    Attraverso la tua poesia mi sono arrivate sensazioni ed emozioni forti e inquietanti...
    che dire mi è piaciuta!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0