accedi   |   crea nuovo account

Invisibilità

Io creatura ignobile
Io creatura invisibile

Cos'ha il mio cuore che lo rende impuro ai tuoi occhi?

Oh, essenza ribelle che mi ripercuote dentro.
Sai ascoltarmi?

Quello che trattengo un giorno diverrà inferno,
e in quel momento tu, vile creatura, verrai trascinata dalla corrente del mio male.

Satana, grande maestro.
Ti credi così bello ed effimero?
Allora purifica quest'anima e benedicila,
perché il mio animo nero si stà ripercuotendo ininterrottamente e non ha pace.

Solo allora, quando sarai tu a manovrare la mia mano,
sarò fiera della mia lurida fede.

 

l'autore Nenia Samael ha riportato queste note sull'opera

Scritta nell'anno 2004


0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Nenia Samael il 03/11/2010 21:10
    (anche se poi il discorso satanismo è molto piu complesso di quanto immagini)
  • Nenia Samael il 03/11/2010 21:09
    ma anche no!!! ahahhaahah XD cmq le vecchie poesie sono molto piu commentate... come ti ho gia spiegato quest'ultime poesie le ho inserite tutte insieme e sono passate in secondo piano!^^ cmq niente satanismo, figurati!
  • ELISA DURANTE il 03/11/2010 16:06
    Ma... sei satanista?!???!???
    Nel qual caso capisco perchè poco si comprendono le tue e, soprattutto, perchè nessuno ti ha commentato.
    Condoglianze.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0