accedi   |   crea nuovo account

Santo Patrono

Un tintinnio di campane sveglia il paese
annunciando ai fedeli la festa patronale.
I banchi della fiera, tra il verde delle palme,
colorano dall'alba il lungomare,
il profumo delle mandorle tostate
si spande sulla spiaggia e tra le case.
La sera il Santo e i grandi Crocefissi,
benedicono le strade tra la folla,
prima che i fuochi accendano,
con botti fragorosi, tutto il mare.
Dopo il silenzio, il bagliore scompare,
gli occhi si abbassano, quasi un inchino,
il vociare delle persone torna sovrano,
mentre eccitate fan ritorno a casa.

 

1
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Anonimo il 25/08/2010 14:52
    In una poesia un breve viaggio tra feta e tradizione. Bella, mi hai reso partecipe...
  • Anonimo il 22/08/2010 14:26
    perbacco... sembra di esserci a quella festa... complimenti x la descrizione!
  • laura marchetti il 21/08/2010 10:44
    Mi ricorda le mie feste di paese... molto bella e suggestiva, ma soprattutto vera

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0