accedi   |   crea nuovo account

Ottantanove

trovarci ignari sotto la volta celeste,
contando spensierati le innumeri stelle,
e contando dolorose le cure qui deste,
per apprezzar lassù le luci più belle,
brillanti di fragranze e speranze meste,
tanto sfuggenti e già lontane da quelle,
eppur audaci rincuorarci, balenanti e leste,
talora arrossendo insieme come cuori sotto la stessa pelle...
e quei pensieri e quei baci... così vicini a quelle...
sotto la pelle...
sotto le stelle...

 

1
4 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Ferdinando il 13/10/2015 23:56
    molto apprezzata... complimenti.

4 commenti:

  • loretta margherita citarei il 22/08/2010 05:42
    fantastica
  • Anonimo il 21/08/2010 13:32
    Fantastica anche questa!!! ma, devo dare ragione a quel discolo di Auro... poi, dopo tanta passione... bbbbbrrrr... il più delle volte le notti diventano fredde e prive di stelle...
    Sei molto bravo Cal, complimenti!!!
  • Anonimo il 21/08/2010 12:20
    Pelle - stelle un binomio fantastico!
    Ottima!


    A. R. G
  • Auro Lezzi il 21/08/2010 11:52
    Ma subito dopo 90.. lA PAURA..