PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Nessuno può sapere

Nessuno può sapere nella vita
ciò che la vita gli riserverà.
Il primo impatto. già significativo,
si ha col pianto, ci sarà un motivo.
È un avviso, un segno del destino,
nasci piangendo, ridere? Chissa?
I primi anni t'ingannano la vita:
giochi, balocchi, tutti ti corteggiano;
ti illudi, sorridi, di certo non sai
ciò che la vita ti riserverà.
Già con la scuola l'allarme si fa serio,
perché devo imparare:
le tabelline, a scrivere ed a studiare,
uffa, che noia, che bello era giocare.
Poi cresci, ancora non sai cosa farai da grande,
però devi decidere la scuola da intraprendere.
Studi, combatti come un forsennato,
sacrifici e spese di tutta la famiglia,
finché un bel giorno ti trovi laureato.
Sogni, progetti, un bel lavoro,
invece ti ritrovi lavapiatti
nell'osteria di sotto, sempre piena,
dipendi da quel pazzo scatenato
che quando tu studiavi, lui giocava.
Quando rientri a casa, li, davanti agli occhi,
un quadro con la laurea incorniciata,
piangi? sorridi? nulla dai a vedere,
però ti rodi per il tempo perso.
Così va avanti, ti sposi ed ecco un figlio,
nessuno può sapere nella vita
ciò che la vita gli riserverà.
Ma nonostante quello che hai subito,
ti affanni, ti arrovelli, ti disperi,
per fargli conquistare un bel diploma.
La ruota gira, come gira il mondo,
ma se non hai qualcun che ti sostiene:
la vita è una salita,
la discesa, è solo per chi è raccomandato
e trova il modo di lavorar giocando.

 

1
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • Francesca La Torre il 27/08/2010 17:05
    È l'eterno mistero della vita che tu hai condito molto bene con i problemi attuali della societa'. piaciuta
  • Anonimo il 25/08/2010 14:55
    La classica ruota che gira, nasci, studi, ti sposi, da genitore imponi le stesse scelte che hai subito... e la ruota gira e gira ancora.
  • Anonimo il 22/08/2010 14:25
    ... e se si continuasse a giocare?
    Molto vera cmq...!
  • Silvia Grandi il 21/08/2010 21:53
    Sono completamente assuefatta dalla veridicità di questa poesia!!!
    Complimenti!!!!!!!
  • Anonimo il 21/08/2010 13:22
    Ingiustizia... è nell'ingiustizia che anneghiamo! Ma finchè c'è vita c'è speranza... la nostra ancora di salvezza... se non fosse così perchè mettere al mondo i figli? La nostra è saggezza, incoscienza o tanta, tanta speranza? ... "nessuno può sapere"
    Piaciutissima!!!
  • Anonimo il 21/08/2010 12:14
    Sei molto saggio!
    È vero... siamo in balia del Fato!
    Bravissimo!


    A. R. G

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0