PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Magda

Magda, ricordi l'estate proibita...
degli anni di carta incompresi dagli altri?
Uscivamo per strada con passi felpati
senza farci scoprire
come ladre convinte d'esser sole a capire.
Omonima cugina, precoce amica mia
in corse avvinghiate andavamo ridendo
quando di rosso impastato si tinse di mio
la sabbia rovente del lido a te noto.
Sui gradini sudati grondavano i tagli
affondati nel braccio da poco abbronzato.

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • rosanna erre il 22/08/2010 23:14
    Bella questa poesia, è calda.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0