PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Ho visto la felicità

ho visto la felicità e non la stavo cercando.
Me ne andavo perso tra gli angusti e maleodoranti vicoli della mia città dove il sole non viene mai a far visita alla miseria
dove tra lastricati sudici e volti disperati ti accorgi cosa vuol dire povertà.
Ma è li che ho visto la felicità, in una casa piccola e spoglia
illuminata da una sola, calda e traballante lampadina
dove quei piccoli giocavano felici con la scatola dei giocattoli vuota e con i sorrisi pieni, ubriachi d'infanzia e di spensieratezza
regalando serenità a chi come me gettava l'occhio dentro quella finestra.
Poi ho pensato al mio quartiere fatto di grandi e malinconiche case
colme di neon e d'ipocrisia poggiate su meravigliose zolle erbose,
ma era un immagine triste e in fretta e ho lasciato che navigasse via.

 

0
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • Anonimo il 28/09/2010 21:36
    ... le sto leggendo tutte... non mi annoio!
    viva!
  • laura cuppone il 23/08/2010 11:45
    una felicità assaporata da me ogni volta che andavo nel salento d'inverno, quando gli abiti obsoleti dell'estate erano caduti e restava la reale vita dei pescatori, peraltro tutti nella parte vecchia della città, sull'isola...
    ecco, odori diversi per ogni casa, ecco bambini a stormi come uccellini affaccendati in piccoli voli, per strada, nelle case...

    condivido e comprendo in pieno!!!!

    Lau
  • Anonimo il 23/08/2010 09:53
    A me è piaciuta molto così com'è, scritta con la vera essenza dell'autore. Bravo, originale e coraggiosa.
  • vincenzo rubino il 23/08/2010 01:20
    grazie... avete ragione è un po ruvida nella forma, l'aveva scritta qualche anno fa e spesso mi è capitato di rileggerla e cercare di renderla più fluida ma finivo col perdere il significato vero che volevo darle, alla fine l'ho lasciata come era all'inizio.. ma la vostra osservazione è più che giusta
  • Cinzia Gargiulo il 23/08/2010 00:06
    Di solito dimentichiamo che la felicità sta nelle piccole cose e nella semplicità.
    Uno sguardo che ti ha riportato al valore essenziale delle cose.
    Molto bella questa tua opera per contenuto e forse, ha ragione Laszlo, provando ad accorciare i versi acquisterebbe molto di più anche dal punto di vista della forma.
    In ogni caso bella perchè trasmette un'emozione.
    Ciao...
  • Laszlo Varga il 22/08/2010 22:15
    perchè versi così lunghi?
  • giovanna raisso il 22/08/2010 22:05
    ".. con i sorrisi pieni.."un colpo allo stomaco per chi crede di conoscere la felicità..
    mi sembra di leggere la tua espressione... le tue domande.. il tuo sospiro..
    bella Vincenzo.. credimi

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0