username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Gramigna

Gli occhi improvvisi,
e l'ampia bocca che ride,
di suon cattivi fiata,
inquieti lemmi
che pungenti cadon
severi in petto
e striscian sinuosi
giù le secche coste,
come gelati germogli
radicar voglion menzogne
nella sapiente e rassegnata carne.
A niente servì
il tempo passare,
come levigate pietre
i cuor ristanno,
in me,
che abbandonato han,
da immemore tempo,
le truppe dell'orgoglio,
gli antichi confini,
trovan, i duri motti,
la lor perfetta meta,
ed io dunque,
che pur rilutto
la lor crudeltà subisco,
il velen che induce
il torpor dell'amor proprio
suggo.

 

1
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 08/12/2013 14:10
    apprezzata... complimenti.

1 commenti:

  • sara rota il 26/03/2007 21:38
    Bella descrizione, decisamnete di più semplice comprensione

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0