PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Ai piedi di un altare

Inginocchiata,
ai piedi di un altare,
una madre prega,
fissando gli occhi
dell’Addolorata.
Anch’ella, pochi minuti
prima, ha stretto
tra le braccia il figlio,
che ora giace,
ignaro e assopito,
in una sala operatoria.
Forse sogna gli angeli,
forse un’altra vita.
Un corpicino esile,
avvinto da un male
incurabile.
“Alza la tua mano e
opera Tu, Signore!”
urla dentro di sé
la donna,
nel silenzio della
cappella.
Ore interminabili,
dolore immenso,
solitudine profonda.
La madre spera.
Le note di un organo,
che non c’è,
si diffondono nell’aria
all’improvviso.
La grazia è fatta.
Qualcuno giunge e
annuncia che è
tutto finito.
La madre terge le lacrime
e sorride, poi
al cappellano chiede
la comunione.
Per madre e figlio
sarà l’inizio
di una nuova vita.

 

1
8 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

8 commenti:

  • sara rota il 20/06/2007 14:07
    Triste con una grande forza interiore...
  • Sandrino Aquilani il 31/03/2007 17:43
    La Fede può fare miracoli perché è già un miracolo.
    Aiuta a vivere. Auguri a te e tuo figlio.
  • Maurizio Triolo il 26/03/2007 20:45
    Sarebbe bello se la fede portasse sempre a soluzione i nostri malesseri ma purtroppo così non è, ma questo non ci deve impedire di continuare ad averla... brava e grazie per la tua visita... ho anche io un po' di sangue messinese, mio nonno era di Scaletta Zanclea, ciao.
  • Riccardo Brumana il 22/03/2007 10:51
    la forza della fede non conosce ostacoli. grazie per aver condiviso questa tua esperienza con noi.
  • ESTER zaniboni il 21/03/2007 18:11
    da madre capisco l'angocia che hai provato, capisco la gioia che hai provato, capisco che nella vita bisogna credere che non sempre si è sconfitti dal dolore... un abbraccio
  • Caterina Siclari il 21/03/2007 17:18
    20 anni fa, nella cappella di un ospedale, ho chiesto al Signore di salvare mio figlio di 1 anno e mezzo, a cui era stato diagnosticato un tumore maligno. Durante l'intervento(due ore e mezzo)ho pregato
    incessantemente con tutto il cuore ai piedi di un altare.
    Oggi mio figlio ha 22 anni ed io ringrazio immensamente Dio che ha esaudito la mia preghiera.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0