PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Alle sorgenti

Alle sorgenti del respirare riscopro il potere
si srotola rotolando su sacchi di fagioli svuotati
per terra
e io vi danzo sopra in equilibrio
nuotando sotto la superficie e bucandola
per vedere la Luna
che illumina questa notte più del Padre.
Siamo fratelli di ogni essere vivente
tranne di colui che perduta la speranza
ci ritorce contro il suo istinto di morte.
E io soffro queste mura che intrappolano le vibrazioni
avrei bisogno di imparare dai tuoi baci
di morderti il sedere e di contropotere.
Chi non muore e chi non fugge rimane accanto
e crescendo affiliamo i fili
con cui stringerci e ferirci d'affetto
sempre più stretto.
Non voglio più promettere nulla.

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Jurjevic Marina il 22/03/2011 09:26
    E io soffro queste mura che intrappolano le vibrazioni
    avrei bisogno di imparare dai tuoi baci

    Complimenti vecchio amico... Vedo che continui sempre più maturo. Un bacio enorme, è bello rileggerti.
  • loretta margherita citarei il 24/08/2010 20:04
    piaciuta molto