accedi   |   crea nuovo account

L'incidente

Come ogni sera esci spensierato
con l'auto dei diciotto,
sei assennato, e sai
che la vita che Dio ti ha donato,
dev'essere curata
come un bene dorato.
Gli amici al bar, la sera in allegria
come tante,
gli sguardi alle ragazze
e soprattutto a lei,
quella che sogni spesso,
e proprio non ti fila.
Poi scatta quel,
qualcosa che non deve:
un salto al mare,
due passi sulla spiaggia,
ricordi di un'estate
ormai finita
che ha lasciato
ricordi affascinanti.
Quattro ragazzi
allegri e spensierati,
con un bicchiere in più,
ridono e scherzano,
ma l'auto non consente distrazioni,
e un attimo fuggente
vi è fatale.
Curva, sbandata,
stridio di gomme,
ormai il controllo
se n'è andato,
terrore su quei volti
di ragazzi, inermi
al destino della strada.
Un volo, un capitombolo,
un altro ancora,
finché la corsa a valle
si interrompe,
come la vita
che Dio vi ha donato.
Esanimi, insanguinati,
violentati dall'auto dei diciotto,
occhi sbarrati
al un cielo stellato.
La vita se n'è andata
in un minuto
quella sera di fine estate
che volevate assieme ricordare.

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Orazio Claveri il 26/08/2010 23:26
    Sergio, ti chiedo scusa per aver girato il coltello nella piaga, chiedo perdono, quando scrivo non penso minimamente al male che posso fare, ma i problemi attuali mi ispirano, sono davvero mortificato
  • Silvia Grandi il 26/08/2010 18:36
    purtroppo la vita spesso è ingiusta e crudele... soprattutto con le vite dei giovani! Poesia molto toccante e che invita a tenersi stretta la vita!!!
  • Sergio Fravolini il 26/08/2010 13:20
    Io l'ho vissuto... so che significa.

    Sergio
  • Laura cuoricino il 26/08/2010 11:06
    Un tenero omaggio alle vittime della 'strada', a quelle giovani vite speranzose che si spezzano per sempre in un fragoroso boato di morte... lasciando dolore, sofferenza ed un vuoto incolmabile!
    Bella, Orazio!
    ciao, Cuoricino.
  • Giacomo Scimonelli il 26/08/2010 00:52
    descrizione di vite giovani che vanno via... che si perdono e muoiono per brevi piaceri... intensi versi... anche se strazianti...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0