accedi   |   crea nuovo account

I love Palermo

Palermo di notte
profuma
di mele
e gelsomini

le barche ormeggiate
all'Acquasanta
riflettono
il vento
cupo
del sud

e vicino al porto
le zanzare
iniziano
il loro ronzio

Palermo di notte
riposa inquieta
tra l'urlo dei pazzi
di via Albergheria
e il lamento continuo
di un antifurto.

 

1
6 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Breus il 29/06/2015 18:15
    Poesia prosaica, senza rima e senza metrica, bella descrizione della città, peccato che non è stata scritta in dialetto. avrebbe coinvolto molto di più il lettore. Ma mi raccomando dialetto palermitano, no siciliano

6 commenti:

  • - Giama - il 28/08/2010 09:50
    Molto bella questo doppio volto di Palermo: paesaggio aulico e quieto da un lato, aspetti di inquietudine dall'altro...
    molto bravo!
    gia
  • Anonimo il 26/08/2010 21:14
    un bel quadro vincenzo, che mi ha fatto rivivere per un attimo il giorno in cui ho visto quella splendida, sconcertante, febbrile, segreta città. un abbraccio P
  • Maria Teresa il 26/08/2010 16:07
    Ricordi indelebili che si sciolgono in versi...
    Complimenti
    Aeth
  • vincent corbo il 26/08/2010 14:41
    Caro Giuseppe, Palermo è la città nella quale ho vissuto per sette anni.
    Antonino, non è miele ma mele (quella di Adamo ed Eva); ho usato l'inglese nel titolo perchè un po' di sano kitsch non guasta mai...
  • Anonimo il 26/08/2010 14:11
    A parte il miele e i gelsomini non è proprio un quadro idilliaco - io odio le zanzare! -.
    Ottima - non ho capito perché hai usato l'inglese nel titolo
    Un caro saluto Enzo!


    A. R. G
  • Giuseppe Tiloca il 26/08/2010 14:10
    Oh Palermo, dalla tua descrizione mi sembra una città da vivere in un solo giorno, è la tua città?

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0