PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Non versuta.

Non versuta mente m'aiutò
quel dì che,
senz'opera alcuna,
il tuo genio avvinsi
ed incauto accolsi
i prodi plausi salottieri
ch'agile menavi,
fra i denti la lingua
triviale,
ad alta voce
sulle genti d'idoli mai paghe
che infin di vanità,
la mente mia,
s'affogò,
ad ingrossar le file
degl’esecrati smargiassi
ch’allignano sul vento del proprio nom.
Non versuta mente
allorchè ben credei
dei tuoi lustri fidar
che d’effimera trama
eran’avvolti.
Mai avrei dovuto capitolar
al lussurioso appello
del bel corpo conservato
Che per me solo promettevi
Finchè il patto
avrei onorato.
Mai, ma l’ho fatto e ancor pago
Il mio misfatto.

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • sara rota il 26/03/2007 21:37
    Troppo complicata, non la capisco, mi spiace
  • ian romanto il 22/03/2007 18:12
    Non di facile comprensione nel immediato, ma riflettendoci ci si arriva a capirla, carina...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0