accedi   |   crea nuovo account

Lo scultore

Con le tue mani
dai vita al nulla
creando quel che gli altri
per sempre ammireranno.
Un cubo di marmo
anonimo e freddo
prende vita,
giorno dopo giorno
lo plasmi e lo modelli
come fosse neve.
L'opera prende forma
fino a diventare
una figura eterna.
Chissà da cosa
è nata quell'idea,
tu solo sai perché,
ma quel non conta,
quello che conta ai posteri
è il risultato,
quando guarderanno affascinati,
l'opera che hai fatto
ed il perché non si porranno mai.-

 

1
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Gion Strusciante il 09/06/2011 15:57
    che bello che "poesia" venga dal verbo greco che significava "creare" e "plasmare"...
  • laura marchetti il 27/08/2010 13:15
    ... come tu hai plasmato il tuo sentimento dando vita a questa tua bella poesia...
  • Nicola Lo Conte il 27/08/2010 08:58
    Vero... molto bella
  • anna marinelli il 27/08/2010 07:53
    plasmi quella massa informe come se fosse neve,
    perbacco che bella intuizione!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0