PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

La donna e l'uomo

Dato di fatto ormai consolidato
nella leggenda dell'essere umano:
la donna è fragile, indifesa, una fiore,
mentre l'uomo che sempre la protegge,
è il ceppo forte che gli dev'esser grato.
La storia vera insegna il contrario,
forse perché deve procreare,
la carne della donna invecchia prima
ed alla mezza età,
per lei, già può essere un calvario.
L'uomo sembra ancora un giovanotto
non gli servono tinte, stucchi e colori
va avanti negli anni e spesso migliora
finché ad un certo punto, all'improvviso
da un giorno all'altro gli arriva un bel botto.
Ed è così che lei, spesso invecchiata
lo porta al camposanto molto prima;
lei: fragile, indifesa, un fiore,
nella verità è una sequoia,
che invecchia a lungo, la donna fatata.

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • loretta margherita citarei il 28/08/2010 17:16
    gli uomini muoiono prima dicono le statistiche, sarà perchè sono loro il sesso debole?
    boh! opinabile
  • laura marchetti il 28/08/2010 15:22
    COME DONNA NON SO SE MI CONVIENE DARTI TORTO O RAGIONE... SICURAMENTE DIPENDE DALLE PERSONE CI SONO DONNE CON ATTRIBUTI E UOMINI DELICATI...
  • Anonimo il 28/08/2010 12:45
    un'accurata analisi, naturalmente opinabile...
    scorrevole...
  • Manuela Magi il 28/08/2010 12:15
    È dalla notte dei tempi che la donna deve essere fragile e l'uomo una roccia.
    Non è così che vanno le cose. Siamo esseri umani e come tali fragili e forti allo stesso modo.
    Per quanto riguarda l'invecchiamento... l'uomo ha delle defaiance ancor prima della donna, fisiologicamente parlando..(sono del settore, fidati) :ciaoiaciuto il tuo modo di esprimere idee

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0