PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Torre

Nell'alba scende su di me
immagine-suono,
non so mostrare a parole
lo spazio
conquistato dalle lacrime
oltre le sbarre.

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Anonimo il 28/08/2010 17:15
    Il dolore che va oltre le sbarre del proprio eistere... le lacrime, come la risata, sono gli unici mezzi per lanciare fuori le proprie emozioni. Il nostro corpo diviene torre per isolarci e per difenderci. Una torre che si innalza all'alba, quando la vita degli altri riprende... nella notte invece... non ci sono difese, siamo in balia della nostra anima.
    Bellissima Len!!!
  • loretta margherita citarei il 28/08/2010 17:04
    ci si sente in prigione
  • Aedo il 28/08/2010 14:56
    Una poesia veramente potente, che riesce ad esprimere con la forza delle emozioni e dei simboli ciò che va oltre il limite razionale. Bravissimo!
    Ignazio

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0