PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Virus

invade
le ematoautostrade
mina
la scolpita essenza nordica
l'attacco scherano
devasta
inconsapevoli gangli autonomi
esautora
il plastico incedere
brusco
recide inesorabilmente
aneliti
copiati e ricopiati
su un niellato diario
del pugnace ego
gelide gocce
del millenario schwarzwald
aspargono
ore, giorni, anni
fra camici bianchi e acciari invadenti
ferale
incrollabile
la protervia di questo virus
AUDI MATER DEI, SALVA ILLA

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • ivano cosulich il 29/08/2010 00:07
    si srotola come pergamena antica, parole ben ricercate,
    peccato che sia un virus...
    molto bella!
  • loretta margherita citarei il 28/08/2010 16:58
    originali versi, scritta magistralmente, se super
  • ignazio de michele il 28/08/2010 12:45
    grato ad entrambi.
  • Anonimo il 28/08/2010 12:42
    Molto apprezzata.
    Sei un poeta che esce dagli schemi!
    Ottima!


    A. R. G
  • Anonimo il 28/08/2010 12:40
    ... il vaccino?
    belissima come sempre!!!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0