PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Penna e calamaio

Pomeriggio d'inverno,
giornata fredda e ventosa,
nevischio ghiacciato
portato dai monti lontani,
rovisto in cantina
tra vecchie cose
dimenticate dal tempo,
ricordi di famiglia
di avi scomparsi
vicini o lontani.
Vecchie foto, lettere,
ingiallite dal tempo,
monili di legno
forati dai tarli,
arnesi di ferro
dalla ruggine logori.
Un cofanetto verde
con fiori dorati,
non lo ricordavo,
lo apro, all'interno
penna e calamaio;
macchie di inchiostro
sul vetro ingiallito,
penna scrostata
dai segni delle dita
che l'hanno sollevata,
pennino consumato
spiega le frasi scritte,
guidato dalla mano sul foglio.
Ripenso al nonno
nella povera casa,
davanti al ceppo
ardente nel camino,
intento a scrivere.
A chi? Che cosa?
Al figlio soldato?
Alla mamma lontana?
O forse, come me,
la stessa follia
di essere poeta,
... una poesia.
Affetto abbandonato
nella buia cantina,
voglio far rivivere
i ricordi lontani
la dimenticati,
sali con me
sul mio scrittoio,
rivivi tempo nuovo
di oblii andati.

 

2
4 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 18/05/2013 18:24
    ... immagini molto
    originali,
    scritta ottimamente
    complimenti...

4 commenti:

  • Anonimo il 29/08/2010 07:22
    Gli oggetti hanno una storia e un'anima... la nostra. Bravo, bella e profonda.
  • Anonimo il 28/08/2010 18:22
    C'è chi attraverso il contatto di oggetti vede e sente le tracce della vita che l'ha posseduta... io non ci riesco... ma ne rispetto la storia che la lega ancora al nostro tempo... purtroppo non ho un passato mio, ma trovare una vecchia penna e un vecchio calamaio mi emozionerebbe e lo sostuirei alla mia comune matita. quindi salgo con te volentieri in quell'angolo di passato per scrivere una poesia sull'attimo che mi lega all'infinito.
    Piaciutissima Orazio!!!!
  • Cinzia Gargiulo il 28/08/2010 18:20
    Quanti affetti abbandonati lasciamo in cantina! Oggetti che non buttiamo ma poi li dimentichiamo e quando li ritroviamo ricordi nostalgici affiorano alla nostra memoria.
    Molto bella!...
  • loretta margherita citarei il 28/08/2010 17:33
    piaciuta

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0