username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Più veloce di Dio

Perdonami Dio
se a volte
prendo dei pensieri al volo
e vado più veloce di te

Lo so
mi fermerò affannato.

Perdonami Signore
se a volte
scendo da pensieri ancora in corsa
e mi devi aspettare

Lo so
prima o dopo
dovrò raggiungerti.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

15 commenti:

  • francesco muscarella il 16/09/2008 09:19
    11
  • ENZO FALBO il 17/05/2007 11:50
    Mi sono accorto che non sono riuscito appieno a descrivere la sensazione che ho provato quando ho scritto la poesia.
    Molto spesso (quasi sempre) non siamo sincronizzati con i tempi di Dio, vuoi per pigrizia, vuoi per superbia, e allora ho immaginato che Dio (che è nostro Padre e con il quale si può parlare e ci risponde sempre) si comporta come fa un Papà con il figlio piccolino quando passeggiano insieme: a volte deve aspettare pazientemente che lui termini i suoi giochi e lo raggiunga, a volte deve affrettare il passo, perchè il birbantello si mette a correre (magari verso un pericolo).
  • A. Barbara Di Stefano il 27/04/2007 22:23
    Capito spesso di cadere nella trappola della presunzione e di pretendere di andare troppo veloci... anche quando la vita (Lui) ti consiglia coi fatti di fermarti... oppure capita di sedersi, rassegnati, quando la Vita (Lui) ti consiglia coi fatti di darti una mossa.
    Quel perdono è l'accettazione cristiana al disegno che Dio ha previsto per te. La Leggo così. Comunque 10, per il contenuto e la struttura.
  • Riccardo Brumana il 31/03/2007 01:51
    il cercare di migliorarsi, l'essere stanco dopo il lavoro nel cercar di concretizzare un proprio sogno, lo smarrirsi nelle scelte che la vita ofre, il cercar di riunirsi a Dio, sono tutti buoni propositi ma li hai espressi in modo equivoco. peccato.
  • tania rybak il 28/03/2007 21:23
    pensare di essere più veloce può sembrare una presunzione... lui conosce i tuoi pensieri prima che tu cominci a pensare, ma il fatto che chiedi perdono, dimostra la tua buona fede, cosi ammetti la tua "innocente superbia". scusami, non è una critica, anzi... grazie per il commento sulla mia poesia e per gli auguri
  • laura cuppone il 26/03/2007 15:34
    Carissimi Enzo, mi scuso umilmente se non ho compreso appieno i tuoi sentimenti e se ho cercato di interpretarli a mio modo... hai fattoi lo stesso tu con i miei... comunque Dio è uno... unico per tutti... il Mio è anche il Tuo... e nemmeno tu sei il bene e nemmeno io... lo è solo lui e sei tu che devi inseguirlo non lui raggiungere te... mi spiace ma trasmetti questo... ciao
  • laura cuppone il 25/03/2007 12:52
    Se sei in grado di pensare, lo devi a Dio... tu sei il suo Pensiero...è a te stesso che hai dedicato questa poesia...
  • sara rota il 23/03/2007 16:36
    Bella l'idea di chiedere perdono a Dio, indica tanta tanta umiltà... Bella
  • Sole Luna il 23/03/2007 15:06
    perdonami... perchè io chiedo a te di esser perdonato, perchè non fai nulla per questo mondo
  • simona bertocchi il 23/03/2007 14:44
    i dialoghi con Dio e con la propria anima sono sempre i più intimistici e profondi ma pochi lo fanno... per questo grazie di questo scritto.
    Simona

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0