accedi   |   crea nuovo account

VIA DA TE

Mi riparo
dal tuo vento gelido
che avanza e mi invade.

Me ve vado
dal tuo terreno arido
e desolato
dove i fiori muoiono.

Scappo dalle tue parole di pietra
che mi si scagliano addosso.

Dentro di me
muri e fortezze
ti terranno lontano.

Vado via,
dal tuo odore,
dalla tua voce che echeggia;
via dalle tue mani possenti
che potrebbero afferrarmi l’anima;
via dai tuoi occhi
per paura di scivolarci dentro
e non riuscire più a uscire da te.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

24 commenti:

  • lucia cecconello il 15/01/2008 21:33
    Molto bella ciao
  • Gabriella Salvatore il 13/11/2007 16:21
    mi piace questa forza che ti fa andare via e la paura che rischia di trattenerti, piaciuta moltissimo
  • Argeta Brozi il 08/10/2007 17:00
    No, mi dispiace ma io ti do 10 e tutto meritato. A partire dal titolo mi colpisce, vado a leggere... e rimango colpita ancora. X dirti che mi è piaciuta molto, solo un piccolo dettaglio: quei punti e virgola che mi stonano.
  • Cinzia Gargiulo il 07/10/2007 12:49
    Era così gelido questo vento? Non ti arrivava neanche un po' di calore? Peccato!! Spero che in futuro tu possa conoscere solo il calore del forte abbraccio di un uomo innamorato capace di farti restare "ferma" a vivere pienamente l'amore... ne vale sempre la pena!
    Brava!
  • simona bertocchi il 03/10/2007 13:37
    Quando l'ho scritta l'ho sentita fino in fondo, avevo solo bisogno di ripararmi e proteggermi. Capita anche questo nella vita...
  • sara rota il 12/09/2007 17:16
    Sembra un voler fuggire da un qualcosa che sai che ti appartiene e quel qualcosa è l'amore... l'amore con le sue paure, i suoi rimpianti...
  • Ezio Grieco il 09/06/2007 13:04
    Brava Simona!
    Forza e bellezza miscelate perfettamente!
    Bella, bella, bella!!
    Clezio
  • Antonio Guizzaro il 07/06/2007 22:32
    Una bella poesia: dipinge la fuga da ciò che pervade, annichilisce, uccide.
  • morena paolini il 07/06/2007 11:07
    La tu poesia è molto bella.
    Mi dispiace che tu debba fuggire. Sei brava. Ciao.
  • Antonello Gualano il 07/06/2007 09:09
    l'ho letta e riletta più volte. Si respira, denso e pregnante, il desiderio di amare. Un desiderio forte, tanto quanto è fragile la voglia di scappare da un amore che non c'è più. Eccezionale.
  • roberto mestrone il 13/05/2007 11:19
    Simona,
    anche questi pensieri del tuo cuore sono stupendi...
    Esprimi un'angoscia rara... che non si puo' fare a meno di condividerla...
    Ro
  • Antonio Pani il 13/04/2007 13:49
    Veramente bella, vera e sentita. Brava! A rileggersi, ciao.
  • Anonimo il 01/04/2007 18:06
    Un addio struggente su versi che sanno di pietra. Brava a presto.
  • augusto villa il 31/03/2007 13:52
    Bravissima!... Il commento?... Sono perfettamente in linea con Riccardo Torretto.
    Ciao Simona, continua così... Augusto.
  • laura ruzickova il 27/03/2007 12:07
    Simona, come sempre, navighi, audace piratessa, sulle onde dei sentimenti più profondi. Continua così.
  • Riccardo Brumana il 26/03/2007 23:05
    la paura d'amare di questa poesia la paragonerei al senso di vertigine. dicono che la vertigine non è data dalla paura di cadere ma dal desiderio di gettarsi e spiccare il volo intrigante, brava.
  • Duccio Monfardini il 23/03/2007 20:50
    Bellissima. Come sempre. Sei una Poetessa. Ciao, Duccio.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0