username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

La pietà l'è morta

Volti dilaniati dal benessere
grondanti lacrime di ketchup
esposti in bella mostra
dentro una vetrina assordante
di cristallo antiproiettile
abbagliata da luci
crudelmente stroboscopiche
davanti a cui osservano
uomini ombra neutralizzati
simpaticamente indifferenti.

Quarti di manzo cremisi
appesi a ganci inossidabili
stillanti siero rossastro
sulle piastrelle bianche
dello scannatoio industriale
dove è vietato l'ingresso
ai non addetti ai lavori.

Esiste ancora la pietà
nell'era del tritacarne
dove anche gli angeli
indossano jeans griffati
e puoi comprare a poco prezzo
il sapone al lime dei Caraibi
per lavarti e profumarti le mani?

 

0
8 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

8 commenti:

  • Anonimo il 04/06/2011 17:54
    Molto bella, bravo
  • Manuela Magi il 05/09/2010 16:30
    La chiusa mi fa pensare ad un lavaggio purificatore, dopo aver compiuto un gesto non del tutto onesto.
    Tutta la poesia sa di protesta, Piaciuta.
  • Anonimo il 01/09/2010 16:50
    Mai perdere la speranza...
    ad ogni modo la tua poesia è un urlare a pieni polmoni delle tristi realtà...
    passo le giornate a chiedermi il perchè...
    passo le giornate cercando di capire...
    cosciente di non capire mai niente di niente.
    È stato un piacere leggerti.-
  • marilena il 31/08/2010 15:07
    profezia o poesia? riconosco che nell'esasperata descrizione emergono realtà preoccupanti, voglio sperare che la Natura ci salverà
  • rosanna erre il 31/08/2010 13:35
    Cruda mi sembra il termine giusto per quest'opera, la parola pietà rimbomba stonante dal resto come unica alternativa (o utopia), a parte forse diventare vegetariani. Comunque, a me capita di essere demoralizzata su come va il mondo e poi trovarmi davanti a degli squarci di umanità inaspettati e ricredermi (e viceversa)
  • laura marchetti il 31/08/2010 08:07
    stupenda riflessione e poesia!!!
  • vincent corbo il 31/08/2010 07:18
    È vero, questa strana asettica società moderna sembra aver dimenticato la vera essenza dei rapporti umani.
  • loretta margherita citarei il 31/08/2010 06:26
    intensa amare riflessioni piaciuta

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0