accedi   |   crea nuovo account

La lapidazione

Rotolano gli eventi come pietre impazzite che cadon giù pesanti,

rovinando da una montagna marcia di disperazione.


Ogni sasso che precipita è un sostegno in meno,

è un dolore in più.


Ogni pietra che si tuffa pesante,

nel nero baratro della disperazione,

è un mio errore,

una mia maledetta convinzione che viene a mancare,

una parte di me che muore.


I miei sbagli mi urlano rabbiosi nella mente,

mi disprezzano per avermi tradito.


Eccomi. Sono qui finalmente!


Lapidatemi or dunque e ponete fine a questa stupida commedia,

uccidetemi, così come si ammazza un cane devastato dalla rogna,

e ponete pietosamente termine a questa farsa di vita.

 

2
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 25/05/2014 09:16
    apprezzata... complimenti.

1 commenti:

  • rossella bisceglia il 23/03/2007 10:14
    i miei complimenti
    drammatica, vera, un urlo della disperazione
    9

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0