username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Il canto della solitudine

Sognavo ad occhi aperti
E parlavo ad alta voce,
Mi dicevan' ch'ero solo
Perché amici non avevo,
Mi dicevan' che gli amici
Non han' bisogno di chi è solo.
E per questo ora piango
In uno stretto manicomio.
Non sono un pazzo
Né un malato,
Non sono un matto
Né un demente.
Rifiuto cure e medicine
Mentre parlo con Nessuno.
E sul cuscino del mio letto
Spremo lacrime bollenti.
Dopo un po' van' tutti via
Prima i pazzi poi i malati,
Dopo i matti e poi i dementi
Io soltanto resto qui:
Senza cari e senza amici
Con le sbarre e col cuscino.
E con la polvere sul muro
Scrivo frasi per me stesso:
Chi sogna ad occhi aperti
E parla ad alta voce
Non è un uomo solo
Senza amici e senza amiche,
È soltanto un uomo triste
Che nel piccolo suo cuore
ha scoperto che gli amici
Son' soltanto un brutto sogno.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

14 commenti:

  • Daniela Bonifazi il 07/07/2011 14:47
    Conosco anch'io la solitudine, quella peggiore, che si prova anche se circondati da persone con le quali puoi condividere qualcosa, ma non il tuo tormento, non l'amicizia che potrebbe darti sollievo. Bellissima poesia!
  • sara meneghello il 20/06/2011 11:27
    hai ragione. è solo un brutto sogno. poesia molto bella
  • maria villani il 30/09/2010 02:17
    è triste la solitudine soprattutto quando si è malati di assenza di affetti. toccante poesia.
  • maria villani il 06/09/2010 20:27
    una poesia di profonda verità e motlo comunicativa. mi piace moltissimo.
  • Antonio Sabia il 04/09/2010 14:03
    concordo a pieno con te, Raf. Grazie mille.!!
  • Anonimo il 03/09/2010 23:49
    la poesia non è solo descrivere situazioni personali, è anche "dimostrare" di comprendere gli stati d'animo altrui, di essere empatici, sensibili.
    bellissima anto complimenti
  • Anonimo il 03/09/2010 08:53
    È profonda e sentita la tua poesia, però spero che ora un po' di veri amici li avrai avuti.
    L'amicizia vera e rara e preziosissima. Gli amici ''SOLITI'' è facile trovarli ed è facile venirne colpiti. Un vero amico non lo farebbe mai perchè prima di farti del male preferirebbe farlo a se stesso. Aldilà che sia personale o meno,
    Molto belli i tuoi versi
  • Antonio Sabia il 03/09/2010 00:47
    x agostino: niente di personale, non è una poesia dedicata a me stesso o ai miei amici. L'ispirazione mi è venuta ascoltando la prima volta "Ti regalerò una rosa" di Cristicchi... Fortunatamente gli amici non mi mancano: è soltanto una riflessione su quanti vengono lasciati da soli, anche dai propri amici, a causa di "pazzie" più o meno reali. Ripeto, niente di personale, i miei amici sono le mie pillole!!!
  • Agostino Griffante il 02/09/2010 16:41
    No, nn dire così. Pure io nn avevo amici, poi ho frequentato un luogo semi residenziale e ho conosciuto molta gente. Ascolta. Ti consiglio di frequentare discoteche o luoghi pieni di gente, nn dico che troverai amici, ma almeno ti diverti e forse trovi una compagna. Nn ti prometto nulla, comprendo a pieno la tua tristezza e solitudine. Ma nn abbatterti. Su dai potrai avere una vita tutta tua. Mia madre è stata controllata in un ospedale per malati di mente, ma era una cosa ingiusta perchè, pure lei, come te, non è malata di mente. tu nn hai degli amici, se vuoi posso diventare io il tuo primo amico. ma devi sapere una cosa importante: io sn un tipo depresso e lo scopri dalle mie poesie tipo Colore ecc. Ascoltami: io prendo farmaci e sn guarito grz alla mia dottoressa e al mio dottore. devi prendere i farmaci. Promettimelo ok? Nn dico che fanno miracoli, ma magari ti fanno bene no?
  • Inchiappa Vito I Song il 02/09/2010 11:48
    Tanta tristezza scaturisce dalla effettiva constatazione di quel che dici. E si accentua quanto più si è sensibili.
    Bravissimo.
  • Laura cuoricino il 31/08/2010 16:59
    A volte è proprio così, ma fa parte della fragilità umana...
    Vorremo che fossero leali come noi, ma non è così...
    L'animo sensibile soffre e spesso non vive bene dove i veri valori valgono ben poco...
    Ciao, Cuoricino.
  • Elisabetta Fabrini il 31/08/2010 14:16
    dolore e rabbia in questi versi, comunque molto belli...
  • Anonimo il 31/08/2010 12:04
    Hai perfettamente ragione!
    In questa vita avrai sempre a che fare con vermi e non con uomini!
    Ottima!


    A. R. G
  • Anonimo il 31/08/2010 11:56
    Trovo nella solitudine la forza. Lylly

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0