username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Una Vita

Oggi, solite foglie sul velo
di quest'estate che muore
vita fugge, come su un treno
in corsa verso il nero
dell'ignoto,
tra le magnolie rancide di memorie.
C'è chi lotta e chi và,
io resto qui ancora un po', mi culla l'idea:
percepire un'essenza seduta accanto,
abbracciandola quando il vento è troppo forte
per perdere ancora violento il battito di ciò che non c'è.
Senza pensare, per una volta, a quel che resta.
Provare, in tale stato inesorabile e continuo
dei giorni miei
assente.
Cercami se sentirai
un vento troppo forte, non ti spezzerà, oh giunco,
non spazzerà via le spoglie verso un qualunque oblio lontano
nella mente.
La casa dove potrai chiudere le ali,
posare l'ormai vuoto capo stanco, ma sul quale tutt'ora intravedo quei caldi filamenti d'oro; branda
per accogliere
queste labbra tremanti,
un corpo esangue,
dall'altra parte del tempo,
quando esso si congiunge all'infrangersi delle miriadi di flotte
costeggianti acque marine. Sarò io,
spegnendomi solo nel bagliore da cui ha principio
la tua esistenza.

Mentre ogni fiato brucia...
mentre una carezza si libra nell'aria
LEGGERA...

Vola sempre, ti prego, anche dopo di noi.

 

0
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • Dora Forino il 16/06/2011 18:00
    Versi introspettivi per sfogliare pagine di vita.
    Poetici.
  • Anonimo il 03/06/2011 09:47
  • Roberto Tommasi il 12/01/2011 10:11
    Molto bella, complimenti!
  • Anonimo il 15/10/2010 22:44
    l'importanza di una vita vive nella tua bellissima opera. bravissima. ciao Salva.
  • loretta margherita citarei il 31/08/2010 16:23
  • Anonimo il 31/08/2010 12:44
    L'ultimo verso è una speranza che scalda il cuore!
    Bravissima!


    A. R. G

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0