PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Cocciniglia

Pervade il mio languire muto
quest'erba secca di sole
ormai ventoso
declino d'una estate
inerme

Osando ancor pensare
alla linfa
e al suo
color del cremisi
osservo il sublime
orrorifico gesto
di cocciniglia
poderoso ventre
cibar se stessa
nel delitto verde
e la sua morte
donare poi
alla nostra
bocca

Come l'amor
che sugge l'anima
con l'anima
causandone rossa
la sua morte

Due forze
uguali
s'annulleranno sempre
per propria volontà
o per follia

Di me
supina
disposta a questo
encomio
a fatica
sorretta
dal filo dei ricordi
vedo
dipinte e ferme
sul velo della mia
acqua
pietre focaie
e stormi
di nuvole.

 

1
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • laura cuppone il 02/09/2010 21:15
    grazie infninite a tutti...

    di cuore..
    Laura
  • Dolce Sorriso il 01/09/2010 12:00

    sei davvero UNICA
    SMACK
  • loretta margherita citarei il 01/09/2010 05:22
    la cocciniglia è un parassita... molto intensa, bellissima
  • Giacomo Scimonelli il 01/09/2010 00:57
  • Annamaria Ribuk il 31/08/2010 23:50
    è impossibile vivere senza Amare... spesso si soffre per le nostre aspettative... e non per l'Amore... molto bella e... triste... un abbraccio Ann!
  • Anonimo il 31/08/2010 23:10
    Una meraviglia
    in tutto il suo dolore e amarezza.
    Quando è difficile amare, ma quanto è impossibile farne ameno
    almeno per anime autolesioniste come le nostre
    vero sorella amata
    ciao
    Angelica

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0