PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Valsente

D'averi ingluvia
ogni qualità spreti che dritta a lor non rechi
come lo zotico contadin
lubrichi il sol che la terra e i frutti maturi
e così della vita il sapor non gusti
e dei suoi color non t'occupi ma,
della cretosa zolla,
fra le mani stretta,
il morboso conto delle polveri intrattiene
l'occhio tuo dannato
che senza riposo la mente illude
credendo pane l'guano
e l'sudor vino.
Lontan da te pollano i fior
e tempellar fai gli uccelli
che niuno appaiar ti si può
se non valsente sia.

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • EKIPS _ il 16/01/2008 02:47
    Notevole! Versi intensi, ricchi di arcaismi che donano a questa tua opera uno stile ammirevole e d'altri tempi. Piacevole anche nel significato. Complimenti vivissimi!
    Un saluto.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0