accedi   |   crea nuovo account

Oltre

Sera.
Stelle fredde e cielo infinito,
graffiano il mio cuore ormai stremato.
Vento gelido e pungente,
stremano le mie membra stanche.

Notte.
Volta bianca ed anonima, come triste sudario,
schiaccia il mio corpo, come lapide sull'eterno giaciglio.
Anonima coltre, copre quel che rimane dei miei ardori,
vergognandosi alquando degli effluvi dei suoi umori.

Mattina.
Svogliata luce insiste nei miei occhi,
ferendomi in profondità con i sui giochi ed abbocchi.
Nauseanti odori percuotono il mio essere,
svelando notevoli e mal celate mancanze di benessere.

Giorno.
Folla immensa e nemica, colpisce il mio essere uomo,
insinuandosi nei meandri di me con terribile frastuono.
Forti e ripetuti abbagli, colpiscono la mia mente,
con astrusi problemi e logica itinerante.

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • sara rota il 25/06/2007 09:24
    Originalmente scritta. Bravo.
  • Riccardo Brumana il 19/04/2007 12:31
    complimenti! una delle mie preferite del sito! 10
  • marco terrabruciata il 06/04/2007 20:11
    mauro, come sempre un'emozione leggeti!
  • Luana Zampieri il 28/03/2007 00:35
    mi piace, questa profonda riflessione della giornata. Bravo

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0