accedi   |   crea nuovo account

Macabra ora

Puoi solo dimenticarmi nella notte
sfilacciate membra che si riducono in poltiglia filliforme
divorata, mi uccido
ed è questo il sapore della morte
quando voglio solo cavarmi gli occhi dalle orbite e cancellarmi.
Rotta.
Lancette di un orologio che corrono
fino a staccarsi violente
una crepa nell'anima rinsecchita
una goccia di sangue su un corpo morto
puoi solo lasciarmi cullare quel cuore marcio
che di tanto in tanto mima un battito
faccia disgregata come un riflesso screziato
tic tac
lacrime
tempo
passi
tic tac
l'unico suono.
Prima di staccarmi le orecchie.

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Anonimo il 02/09/2010 12:42
    Originale!
    Purtroppo questo dolore profondo è di tutti coloro che sono sensibili!
    Bravissima!


    A. R. G
  • laura marchetti il 02/09/2010 09:08
    hai dipinto uno stato d'animo con parole molto originali

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0