username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Innocenti

Quaranta innocenti stappati alla vita.
Gode il braccio meccanico a dilaniarne gli arti,
ruggisce la catena metallica nel tagliarne la carne.
Sono rimasti solo ceppi piangenti, lacrime resinose a memoria della loro vita, tristi lapidi a testimoniarne l'esistenza perduta.
Ogni schianto un colpo al cuore, ogni spezzata di ramo la rabbia che monta impotente di fronte a permessi e burocrazie firmate.

Perchè anche un albero non può urlare?!

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • augusto villa il 25/09/2010 17:21
    Per fare in modo che le poetesse brave come te possano farlo al posto loro... Sisi!...
    Comunque è una triste verita'... purtroppo... e tu hai fatto sentire la rabbia e l'amarezza che provi... Brava, Alessandra!
  • denny red. il 04/09/2010 03:46
    e un perchè.. di tanti perchè.
    Brava!! alessandra.
  • vasily biserov il 03/09/2010 12:04
    per me la domanda è questa: perchè la gente non sa che è vivo.
  • Giacomo Scimonelli il 03/09/2010 09:40
    xchè anche un albero non può urlare...
  • laura marchetti il 03/09/2010 09:35
    anch'io.. spesso mi domando.. ci vuole tanto tempo per far crescere un albero e così poco per tagliarlo... basterebbe pensare solo a questo

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0