PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Eri mio amico

Avrei voluto stringerti
ancora la mano,
porre un pietoso velo
su ciò che è stato,
offrirti un'altra possibilità.
Non si cancella
facilmente
il tempo trascorso
nella condivisione,
quando affinità
ci univa,
il filo della complicità
legava i nostri animi,
credendoti amico, sincero,
ti sentivo nel cuore.
Caro mi fosti,
in te riponevo fiducia.
Inutile piangere
sul latte versato,
vano rimuginare
nel gioco delle colpe.
Tu sei ancora debole,
con parole al vetriolo,
sputi su me veleno,
cercando di ferirmi ancora,
ma io cammino a testa alta
sulla strada dell'indifferenza.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

13 commenti:

  • Bob di Twin Peaks il 07/09/2010 00:46
    mmm, chi sa camminare sulla strada dell'indifferenza non sa scrivere una cosa come questa, troppo bella
  • Donato Delfin8 il 05/09/2010 23:30
    Ah bè Lò l'erbacce vanno nella raccolta INdifferenziata no?

  • Giacomo Scimonelli il 05/09/2010 07:05
    in amicizia fa tanto male il sentirsi presi in giro... e la tua rabbia... anche se troppo tuonante...è da capire... scritta molto bene
  • Manuela Magi il 04/09/2010 22:03
    L'indifferenza fa molto male.
    Hai scelto il modo giusto.
  • denny red. il 04/09/2010 21:25
    Eri mio amico.
    Credendoti amico sincero,
    ti sentivo nel cuore.
    Eri mio amico. Forse.. non lo è mai stato lory, LUI!!
    Bella!!! brava!!!
  • Fabio Mancini il 04/09/2010 19:40
    Sei una donna eccezionale. Sei sopravvissuta a tante difficoltà e delusioni. Cos'altro ti può fare paura? Un bacio, Fabio.
  • Don Pompeo Mongiello il 04/09/2010 19:23
    Se non ci fosse tristezza ed amarezza, secondo me non ci sarebbe nemmeno la vera poesia. Piaciuta!
  • Anonimo il 04/09/2010 17:51
    Bellissimi versi anche se intrisi di amarezza e delusione. L'amicizia, più rara dell'amore, è un sentimento che pochi sanno apprezzare... ma tu, nonostante tutto, non abbandonarlo mai... un giorno, forse, grazie alla tua fiducia e al tuo generoso cuore, anche se costretta tra silenzi e attese...
    Hai Un cuore meraviglioso... se ne accorgerà...
    Un abbraccio dolce Loretta e come sempre grande nell'esprimere le tue emozioni. GRAZIE!
  • Anonimo il 04/09/2010 17:45
    L'indifferenza arriva prima o poi, quando
    non c'è niente di buono da salvare!!

    Bella e vera Lor...
    un bacio
  • giovanna raisso il 04/09/2010 17:31
    .. nel gioco delle colpe.. tu sei il debole.. armato solo di "vetriolo" che più non ferisce..
    bellissima
  • Maria Teresa il 04/09/2010 16:10
    Si soffre quasi al pari di un amore perduto quando un'amicizia finisce, però è altrettanto vero che, se ci si guarda bene intorno per un amico che tradisce, ce ne sono molti che consolano.
    Continua a camminare a testa alta e "non ti curar di lor ma guarda e passa" indifferente al male.
    Brava Loretta
  • Anonimo il 04/09/2010 12:09
    come ti capisco... cara amica, non c'è peggior cosa di un'amicizia tradita... ma tu non voltarti e vai fiera lungo la strada del tuo cuore
  • Miki Leroy il 04/09/2010 11:38
    poesia che sento molto vicina.
    un umile consiglio? non soffermarti sull'amico che hai appena perso ma prova ad immaginare gli amici che potrai ancora avere...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0