PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Giovinezza dimenticata

Mo ca
viecchi siti
janchi 'e capielli
e cu lu bastonu
iti,
niente
vi sta
cchiù buonu,
'e criticati
puru o vientu,
ca ogni tantu 'e vuje
s' arricuorda
e va carezza,
scurdatu
ca aviti
fattu
a guajuni,
quannu
sottu 'e suttane
'e guajuncelle
furtivo
'e janche mutandine
viste
avete.

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Francesca La Torre il 04/09/2010 22:42
    Complimenti! Hai descritto una verita' assoluta, e sinceramente sei stato molto bravo perche' non e' da tutti ammetterlo!
  • giovanni crisostomo il 04/09/2010 22:33
    Forse è perchè ci ricordiamo troppo di quando eravamo giovani che siamo così scontenti e brontoloni. Acqua passata non macina più! Te lo dice uno che è nato nella prima metà del secolo scroso.
  • Michele Rotunno il 04/09/2010 20:01
    Il concetto è scontato come un proverbio, il dialetto un po' meno (di origine misteriosa).
    Nel complesso molto simpatica con alcuni passaggi deliziosi.
  • Anonimo il 04/09/2010 18:11
    Sfuma la giovinezza, sfuma la vita, sfuma ogni speranza!
    Ottima!


    A. R. G

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0