accedi   |   crea nuovo account

Idi di marzo

Bruto,
figlio mio,
nel giorno della morte,
il sangue dei calzari,
macchiasti la nuda terra,
ove germoglio
arido fu.

Il sangue dei vinti,
riaffiora d'animo silenzio,
scendere sulle vesti,
delle spoglie membra.

Al tempo dei padri,
di gloria nascesti,
spinto d'animo umano
raccolsi le tue gesta.

Ed ecco,
uomo di morte spetta,
chiusi le mie orbe
nel ventre della morte.

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0