PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Poeta

Dal difficil dire
scorgo il mio vestire,
eppur della poesia la morte
feci l'impronta sulle porte.

Il mio sentire divenne duro
il cambiar sempre più scuro,
nel discorrere dileguarmi
inutili gli affanni;
diventano sterili senza sapere
il correre verso l'usciere... .

In un infinito tunnel di parole
scomposte all'ombra del sole,
divise, sospese, tra l'animo e il cuore.
Mi cingo di calore,
mi riempio di quell'amore;
eppur attraverso l'orizzonte
mi abbaglio dei colori di quel ponte,
ne descrivo i sentimenti,
ma nelle menti rimane il vuoto
e dell'ignoto faccio il mio nome.

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Angela Francesca Russo il 07/09/2010 09:50
    grazie...
  • Giacomo Scimonelli il 07/09/2010 08:09
    bella!! bravissima... descrivi bene i sentimenti... anche di un ponte .. chi è sensibile trova sempre le parole... sempre... e tu ci riesci molto bene
  • loretta margherita citarei il 06/09/2010 16:08
    ottima poesia
  • Anonimo il 06/09/2010 12:13
    Una grande sensibilità!
    Ottima!


    A. R. G