accedi   |   crea nuovo account

Ti ho amato dolcemente

Il mio restare
sedere e respirare
luoghi di solitudine.

Questi fogli
forti e sottili
sempre quelli
anime confuse.

Ascolto un incredibile
cammino
che poi volge
verso il pianto.

Avrei sofferto
e spesso canto sottovoce
ciò che non conta più
niente.

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Anonimo il 06/09/2010 17:58
    Quell''avrei sofferto' non mi convince. Perché l'uso del condizionale? Tutta la poesia è una certezza. Non trovi che sia una contraddizione?

    cordiali saluti
  • Anonimo il 06/09/2010 17:00
    Dopo un grande amore restano dolore e solitudine infiniti.
    Bella.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0