accedi   |   crea nuovo account

Nu bruttu suonnu

Me ne jette
da la casa,
chianu, chianu,
pecché e cosscie
mal fungevano,
quanno
de buotto,
nu matusalemme,
oh mamma mia
quanno era brutto!
Jancu 'e capilli
a jancu 'e barba,
'nanzi a mia
commu nu stoccafissu
stette,
a mo
ricetti i
chistu che vo?
- Tu nun ta ricuordi
e mia guajò?
M' arricette
a i rispunnette:
- Veramente,
chi t' ha mai visto!
- Eppure,
m' accunusci,
e molto bene,
pecché
i songu
'a cuscienza toja.
- Ma ca vai ricenne,
i nun songu,
pirmittite,
nu zuonbafuossu
commu a vuje.
- Ah no?
Si vede
che nun ve guardati
mai dintu
o spiecchiu,
a accussì commu
'e fora
siti bruttu,
a rintu
anocora peggiu,
a va salutu
Du' Pumpé.
Da allora
suonno
e pace
'cchiu
nun ave.

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Vincenzo Capitanucci il 06/09/2010 20:51
    Sono la Tua antichissima coscienza.. Toja... Du Pumpe...

    Splendida...
  • loretta margherita citarei il 06/09/2010 20:19
    da allora sonno e pace non ho, bellissima
  • Giacomo Scimonelli il 06/09/2010 18:59
    bellissima...
  • Anonimo il 06/09/2010 18:02
    Sei il re di ogni lingua e dialetto!
    Bravissimo!


    A. R. G

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0