PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Novantaquattro

stupirmi con te della beltà più preziosa,
quand'ecco parermi la città tua un suol familiare,
su cui scoprir persino nella pioggia cadente più afosa,
un nuovo abbraccio d'emozioni in cui lasciarsi andare
e rifuggire ogni giorno la torva tormenta, si vera e si astiosa
da socchiuder in pertugi i sensi del cuor nostro lì spalancare
prigioniero quegli attimi ancor piccoli come il mondo, da scintilla paurosa...
talora dimenticandosi del tempo e di questi luoghi, quasi ad imporgli ove passare:
non più nei nostri stanchi pensieri o nel lembo dei viali di questa città chiassosa,
ma solo sotto i nostri passi timorosi, addensarsi in strade infinite per scampare
al fato tiranno, all'ultima ora, alle nostre dimore, alla stessa cosa:
a quel battito malgrado tutto palpitare, malgrado tutto continuare...

 

2
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • roberto volpe il 11/08/2012 11:08
    dei vari fasti e saltimbanchi siam pieni... continuiamo i giochi ridanciani...
  • tania rybak il 09/09/2010 19:26
    sei un genio della poesia
  • Anonimo il 08/09/2010 23:12
    Una poesia sull'amore di una dolcezza infinita! Purtroppo un'amore non corrisposto, ma sentita, profonda, dolorosa eppur strappa un dolce sorriso,,, su quella silenziosa speranza che malgrado tutto palpita, malgrado tutto continua...
    Strepitosi questi versi e il tuo sentire!!!!
    Bella, bella, bella, bella, bella...
  • loretta margherita citarei il 08/09/2010 16:43