username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Tutto è vano

Vento violento del deserto,
alzavi sabbia impalpabile,
cercavo di coglierla ma filava
dalle mani arse dal sole,
folle tentativo di cogliere
una stella dal cielo,
di saltare con un balzo sulla luna,
tutto è vano,
come è vano che gli altri
colgano qualcosa di te,
solo tu sai quello che sei,
quello che hai dato,
quel che non hai saputo dare,
solo tu sai,
solo tu potrai giudicare.

 

2
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • I. mpersonale F. ottuta-mente il 25/12/2010 23:21
    Apri un dibattito davvero interessante. Premetto che i rapporti interpersonali non sono il mio forte... quindi sicuramente sbaglierò questo commento... Comunque io penso che nessuno può carpire l'"essenza di un altro", anche perché spesso l'essenza di noi stessi ci sfugge..."Conosci te stesso", che massima così difficile da accettare( per me)!! Se non possiamo definire ciò che siamo, dove possiamo arrivare, i nostri limiti ed i nostri pregi come facciamo a contare su noi stessi, a fidarci del nostro io? Ed allo stesso tempo se ci auto-definiamo così da fornirci delle certezze che leniscono la nostra insicurezza esistenziale non possiamo correre il rischio di costruirci una gabbia, un'idea distorta di noi stessi che ci può spingere a precluderci delle possibilità? Come dice Laura, a volte siamo giudici troppo severi con noi stessi(confermo); ma un certo senso di auto-critica è essenziale per vivere... Insomma, se me lo permetti, è un bel casino che partorisce molte domande, alcune senza risposta altre che invocano "l'equilibrio" delle azioni e dei sentimenti... Le immagini che hai preso dalla natura sono molto belle ed azzeccate!! complimenti ancora ciao ciao ed auguri
  • giovanni crisostomo il 08/09/2010 22:30
    Non c'è peggior sordo di chi non vuole intendere. Hai scritto "solo tu sai, solo tu potrai giudicare" o no? Il mio non è affatto un giudizio: ho tratto una impressione di disperazione nel tuo scritto. Così lo sentita: non ho espresso giudizio di merito alcuno, nè formale, nè sostanziale. Che poi tu sia un lottatore: tu me lo dici e io ti credo, ma non lo evinco da questo scritto. E naturalmente è sempre e soltanto quello che ho provato nel leggerti. Tutto qui. Che poi tu vada estrapolando un tuo discorso personale, arrivando anche a dirmi che commento solo per acquisire crediti, è soltanto il parto di una fantasia sfrenata. Infine, io commento chi pare e piace, siamo tutti qui esposti ai commenti, positivi o negativi che siano, purchè non offensivi. P. S. ho commentato questo tuo lavoro perchè l'ho trovato apprezzabile e diverso dal tuo solito standard, che invece non mi convince. Pensa un po'.
  • laura marchetti il 08/09/2010 21:38
    A VOLTE SIAMO DEI GIUDICI TROPPO SEVERI CON NOI STESSI...
  • Orazio Claveri il 08/09/2010 21:37
    Caro Giovanni, ancora una volta non ci acchiappi, potrei dire l'esatto contrario, io non giudico mai e mi scoccia tremendamente se qualcuno lo fa nei miei confronti, circostanza che tra l'altro si verifica molto spesso nei confronti di tutti gli esseri umani, probabilmente a te fa piacere giudicare es essere giudicato e quindi non riesci a capire il significato della poesia. Pensa a dove sei arrivato e quanto poco mi conosci, eppure giudichi. Sai qual'è la mia filosofia di vita? prima di saper vincere bisogna essere capaci a saper perdere, ho imparato sia l'una che l'altra cosa, quindi proprio non esiste che il sottoscritto possa uscire sconfitto da qualcosa perchè quando capita sa accettare e non deve fare ricerche di nessun tipo, lo capisco e lo so accettare. Non me ne volere, ma considerato quello che fraintendi a leggere le nie cose, forse è meglio che non perdi tempo a leggermi oppure leggimi se vuoi, ma evita di scrivere commenti tanto per ricaricare il credito, non qualificando ne me, ne te, e perdiamo tempo entrambi. Scusami ancora, ma davvero mi girano quando qualcuno capisce l'esatto contrario di quello che scrivo e che voglio dire. Un abbraccio
  • giovanni crisostomo il 08/09/2010 15:12
    La tua chiusa preclude ogni commento. Trovo molta disperazione in questo scritto, come se fossi uscito sconfitto nella tua ricerca. Non dico altro.
  • ylenia 2010 il 08/09/2010 13:43
    bravissimo... parole sagge e veritiere: quello che siamo in fondo lo sappiamo soltanto noi stessi!
  • A. SOFIA il 08/09/2010 11:53
    Bravo!
    Benvenuto fra noi!..
    Un caro saluto - Sofia

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0