accedi   |   crea nuovo account

Come la vita

L'odore del caffè alla macchinetta,
le poche parole, rubate alle pause,
gli stessi discorsi da sempre,
gli arrivi e le partenze,
i passi frettolosi, le gambe stanche,
i sorrisi ed i pianti,
scanditi da un orologio,
da silenzi di intesa
o di indifferenza,
da parole di troppo o mai dette,
da grandi amicizie e alleanze,
invidie, rancori, amori.
Tramonti, traguardi attesi o temuti
che segnano una fine o un inizio
che nascondono dietro a un sospiro
di sollievo, la lacrima di un ricordo,
già di un rimpianto.
Scadenze e inizi,
morte tua vita mia,
capi e capi chini.
Su quella panchina,
davanti ad un armadietto di ferro
piangevi di nascosto,
da quel giorno non ti ho più rivista...
Il lavoro...
è come la vita.

 

3
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Anonimo il 08/09/2010 22:48
    Bellissima poesia Laura,,,, mi ha commossa, forse perchè ho visto tutto quello che hai scritto,,,,
    Bravissima Lauretta
    Ti abbraccio
  • Fabio Mancini il 08/09/2010 10:35
    ... Arrivare... camminare... partire. E gli altri chi sono? Fotogrammi? Un abbraccio, Fabio.
  • karen tognini il 08/09/2010 10:04
    Brava!... bella e molto reale...

    ciao Laura... e buona vita!
    k

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0