username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Giorno di raccolta

La cavalla s'è adagiata su un fianco
sotto l'antico albero di carrubo
- forse sta male
forse è solo stanca
e vuole riposare -

Il sole è alto
- lo scirocco sferza la campagna
e riscalda i sassi sparsi per il campo -

Sotto l'ombra delle sempreverdi foglie
ci riposiamo un poco
prima di riprendere a scuotere i rami
- i frutti maturi precipitano
a terra con un rumore sordo
mentre il grido d'un pastore
sconvolge ogni tanto l'alito di silenzio -

La cavalla s'è rialzata
corre insieme alle sue compagne adesso
- come non dovesse più fermarsi
nitrisce al galoppo
costeggiando il vecchio muro di cinta -

C'è una pace che non avevo previsto
- il tempo di raccolta
non finirà mai
per chi ha saputo mantenere verde
il cassetto più nascosto -

Incrocio lo sguardo d'una vacca
mentre torno a casa
- lei muggisce
io la saluto
col più bel grido di battaglia -

È il tramonto più bello
- ho l'occhio vivo
ma non vedo ombre
nel crepuscolo
che placidamente avanza -

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 26/07/2012 23:46
    bucolico testo... amore e natura

15 commenti:

  • tania rybak il 10/09/2010 23:46
    scusa gli errori, sono sempre la stessa
  • tania rybak il 10/09/2010 23:45
    quando leggo le tue poesia, sembra che tutto prende vita e passeggio fra i tuoi paesaggi, sei tra i miei preferito, adoro le immagini dettagliate, bravo
  • Isabella Tradito il 10/09/2010 14:30
    Al giorno di raccolta segue un tramonto ove le ombre svaniscono o non esistono perchè mascherate da un crepuscolo che avanza... semplicemente bella. La strofa finale è metafora di vita: al tramonto sereno seguirà l'alba di un giorno nuovo senza perturbazioni imminenti.
  • giovanni crisostomo il 09/09/2010 22:25
    Bucolica, con la morale incorporata. Che cosa si può volere di più. Complimenti, con l'invidia di chi quel giorno rimase in città.
  • Giacomo Scimonelli il 09/09/2010 18:04
    mi unisco ai commenti di chi mi ha preceduto... molto bella
  • Vincenzo Capitanucci il 09/09/2010 16:56
    In questo tempo di raccolta... c'è una pace che non avevo previsto...

    Meravigliosa Salvatore... il crepuscolo degli dei... placidamente avanza...
  • Antonietta Mennitti il 09/09/2010 16:40
    Un ritratto quasi reale di un'estenuante e faticosa giornata nei campi in cui uomini tenaci e instancabili raccolgono i frutti di un terreno reso fertile dal loro duro lavoro! Bravo Salva, continua a mietere ancora poesie come questa di oggi! Bravo.
  • loretta margherita citarei il 09/09/2010 16:09
    il tempo della raccolta non finirà mai... bellissima sei super
  • Maurizio Cortese il 09/09/2010 10:37
    Hai descritto con la solita maestria la pacatezza di una giornata in campagna e hai aggiunto quella splendida considerazione sulla raccolta che mai avrà fine per chi sa mantenere giovane il suo spirito.
  • Dolce Sorriso il 09/09/2010 10:07
    bellissima... sei davvero bravo Salva...
    piaciuta la descrizione...
  • Anonimo il 09/09/2010 09:41
    Che piacevole lettura. Vi ritrovo pace, armonia, una musicalità che sa di bello. Complimenti!
  • Anonimo il 09/09/2010 09:39
    Fantastoca descrizione di raccolta di carrube... e della campagna circostante, spero che almeno una l'hai conservata per me... mmmm sono così buone!!!!! bellissimo il finale, quel grido di vittoria e la forza rinnovata!!!
    Bravissssssssssssimo
  • Elisabetta Fabrini il 09/09/2010 09:37
    Bellissima descrizione...
    Bravissimo Salva!
  • laura marchetti il 09/09/2010 09:36
    MERAVIGLIOSA CREATURA... direbbe la Nannini... io ti dico semplicemente SEI GRANDE!!
  • karen tognini il 09/09/2010 09:36
    Questa Salva..è una poesia meravigliosa...
    bravo... bravo...

    k

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0