PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Note...

Note Stonate, queste parole le ho già lette.
Parole sbagliate, anche queste le ho già sentite.
Quante volte si ripetono, quante volte diciamo "non volevo, scusami, non è quello che pensavo..."
Parole che feriscono.
Sguardi freddi,
Sguardi di odio,
Perchè gli occhi, così importanti, così belli, intensi, luminosi, diventano occhi tristi, freddi, di odio?
La voce: calda, dolce, amorevole,
perchè diventa acida, rumorosa, fastidiosa?
Le orecchie  dovrebbero sentire note intonate, parole importanti che riempiono il cuore,
allora perchè sembrano fastidiosi rumori, cattive vibrazioni che rimbombano nella testa fino a costringerla a isolarti?
Quante domande, ognuno di noi risponderà con il proprio "credo, penso...", ma nessuno dirà la verità.
Quale verità? Quella che ti fa riflettere la tua immagine nello specchio e ti fa pensare...
La verità è:
l'esser cieco,
l'esser muto,
l'esser sordo
al richiamo delle grida, di chi si sente sola,
sola nella sua ingenuità.

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • sara rota il 28/06/2007 08:39
    Un po' troppo tendente al lasciarsi andare... non mi convince.
  • Riccardo Brumana il 19/04/2007 22:47
    non mi convince nella struttura. dolce il testo.
  • Nella Bernardi il 06/04/2007 14:16
    veramente bella, scritta in un tono delicato e con musica lieve leggermente addolorata, ciao Nella

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0