accedi   |   crea nuovo account

Riempire il vuoto

La terra sotto i piedi non c'è,
scavo, scavo, scavo dentro di me.
Estraggo centinaia di chili
di materia vuota.
Ho questa cavità vuota.
Ho paura di me stesso,
di decisioni frettolose,
di incomprensioni tra la mia mente ed il mio animo.
Svuoto, svuoto, svuoto
la mia cavità,
blocchi di cemento armato nascono
in questo momento della mia vita.
Vuoto sono vuoto,
mi stritolo e mi soffoco
per non dover ascoltare
il vuoto della mia voce.
Voglio avvelenare questi giorni,
voglio spazzare quel vuoto
che ho negli occhi dentro il mio sguardo.
Voglio averti,
voglio che la mia voce parli di te.
Voglio riempire il mio vuoto,
voglio spargerti dentro;
voglio spruzzare amore;
voglio cantare
con testi dei nostri ricordi;
voglio cantare
su note nate dai tuoi respiri;
voglio cantare
con strumenti costruiti con la tua essenza;
voglio cantare tutta la mia vita
te.
Ho sempre sognato ed oggi continuo,
consapevole
che uno dei miei sogni si è realizzato,
tu.
Se i miei sogni cantassero
canterebbero
con strumenti creati dalla tua essenza;
su note natedai tuoi respiri
con testi dei nostri ricordi.

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Francesco Giofrè il 11/09/2010 12:46
    vincè mi chiamo francesco! cmq grazie mille! troppo buoni tutti!
  • paola carovano il 11/09/2010 08:31
  • Vincenzo Capitanucci il 11/09/2010 08:17
    Splendida Antonino... nel vuoto della materia... troviamo l'essenza del Tutto...è il diamante che splende... nel nero carbone...
    è un camminare nel vuoto... fra ostacoli di cemento... ma quando posi il Tuo piede... in questa terra di nessuno... si crea magica-mente un solido sentiero.. che ad ogni passo si rinnova...
    9
  • Anonimo il 10/09/2010 23:13
    Dio che dolcezza. Ti ringrazio per questa tua ode all'amore. Non c'è più grande voragine di quella lasciata dal sentimento più prezioso.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0