PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Nostalgie

Fa freddo nel cuore dell' uomo
che in lacrime guarda il presente.
Strugge il cuor suo d'affanno
per un mondo che non lo sorregge

Errò impazzito fra i boschi
che foglie di carta scuoteva,
lesse con avida gioia
le storie dei figli di Eva

visse per idea nel passato
e piange stordito dell'oggi,
pensa i fasti di un tempo
bramando i volti dei saggi
ma attorno son solo i miraggi
del tempo crudel che lo stringe:

la stanca parodia del progresso,
grigia civiltà dell'inganno.

 

1
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Anonimo il 11/09/2010 18:13
    Hai detto tante piccole verità!
    Scritta egregiamente!
    7+


    A. R. G

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0