PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

L'infinito dolore

Verrà a trovarci anche alla tomba
l'infinito dolore che ci cresce
dal primo all'ultimo dei giorni, silenzioso,
sottile come una pagina
ma tagliente più di una lama.
Sarà negli occhi
di una moglie, di un bambino,
sarà singhiozzi e silenzio.
Sarà nel vento dell'autunno,
quando fremono le fronde e gemono
gli arbusti, e noi non ci saremo più.

È per tutti un grande bagaglio
che passa di mano in mano
come una triste eredità.
Verrà a trovarci anche alla tomba
questo dolore, e saranno gli altri
a portarlo per noi.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Sergio Basciu il 13/03/2014 21:09
    Molto bella, profonda, realistica questa riflessione sul dolore, che è una delle poche certezze della vita.. mi piace, ciao

19 commenti:

  • Tim Adrian Reed il 09/01/2011 20:07
    Ti ringrazio Giacomo, fin troppo gentile! è proprio vero, la Speranza... la speranza è in fin dei conti ciò che ci tiene in vita, ed è anche quasi sempre un inganno... eppure è un inganno bellissimo di cui non potremmo fare a meno.
  • Giacomo Scimonelli il 09/01/2011 16:32
    una riflessione profonda... il dolore ci accompagnerà x sempre... ma spero che un alito di speranza possa lenirlo ogni qualvolta ci si sente vicini alla fine senza più voglia x lottare... speranza... la speranza dovrebbe incentivarci sempre... ma sola non basta... bellissima la tua pessimistica visione della vita... hai avuto anche coraggio nello scrivere i tuoi pensieri... complimenti
  • Tim Adrian Reed il 17/11/2010 18:55
    Grazie Antonio! è vero, una visione "scura"... ma oltre alle ombre ci sono anche le luci!
  • Antonio Pani il 17/11/2010 13:03
    Visione "scura" di parte del nostro cammino di vita. Versi intensi, che trasmettono in modo importante ed efficace. belle alcune immagini, distinte ed evocative. Mi è piaciuta, a rileggersi, ciao.
  • Clodia. il 28/09/2010 19:49
    goia e dolore sono figli della coscienza, nonché - forse - il motore della vita. fanno parte del pacchetto, vanno presi di petto e portati dove vogliamo noi... finché ne abbiamo le forze!
  • Tim Adrian Reed il 18/09/2010 11:16
    Pare che non ci sia proprio nessuno scampo... dobbiamo rassegnarci a questo scomodo compagno di viaggio. Grazie della lettura Sergio!
  • Sergio Fravolini il 18/09/2010 07:07
    Sarà in ogni tempo...

    Sergio
  • Tim Adrian Reed il 13/09/2010 01:20
    Karl e Viky, non posso che ringraziarvi per la lettura e per le vostre riflessioni. Tutti noi conosciamo, chi più e chi meno, il dolore. Non è un compagno piacevole, ma è sempre lì a riscuotere il prezzo di ogni cosa bella che abbiamo o che abbiamo avuto e poi perso. Al dolore non ci si deve abituare, l'importante è sopravvivergli, non permettergli di rubare alla felicità il tempo che non gli appartiene. C'è un tempo per il dolore ma deve esserci un tempo anche per la felicità.
  • Viky D. il 13/09/2010 00:12
    " Non abituarti mai al dolore", dice Renato Zero in una canzone.

    Parole sulle quali mi soffermo un po' più a lungo, stasera. Hai ragione, sarà dovunque, in ogni tempo. Lo conosco il dolore, specie quello dell'anima. Farei di tutto per aiutare qualcuno che soffre ma proprio non ci riesco a considerarlo un amico. Condivido però quel che ha scritto la grande Lor.
    Ci fa apprezzare gli aspetti belli della vita. O almeno dovrebbe.
    Dimmi, come si fa ad abituarsi al dolore?
  • Anonimo il 12/09/2010 23:16
    non ci sono parole adeguatamente appropriate per definire una lirica di una musicalità triste e appassionata che con lucidità di contenuto offre su di un piatto d'argento la drammatica condizione dell'umana fragilità... la sofferenza nell'animo in esplorazione di sè... complimenti per la bellezza e l'intensità di contenuto... altro da dire ne sporcherebbe l'essenza
  • Tim Adrian Reed il 12/09/2010 22:15
    Maria Teresa grazie, dal cuore!
    Confesso che dietro questa poesia c'è tanto coinvolgimento, è una poesia che ho sentito fortissimamente e leggere questi bei commenti, così come il tuo, mi emoziona più di quanto avrei immaginato. Credo che ognuno di noi si senta solo, preso dai propri problemi così com'è ognuno di noi, senza accorgersi che ognuno li ha. Comprendere come il dolore sia "così presente nelle vite di tutti" come hai scritto tu, dovrebbe farci sentire tutti un po' meno soli. Grazie.
  • Maria Teresa il 12/09/2010 21:44
    Dio che bella!!!
    Il dolore, silenzioso e tagliente più di una lama... eppure così presente nella vita di tutti.
    L'infinito dolore che ci accompagna, ci fa crescere, ci fa imprecare, ci regala sofferenza, ma che ci fa anche apprezzare le piccole gioie quotidiane.
    I miei complimenti
  • Tim Adrian Reed il 12/09/2010 16:04
    Nulla di più vero Loretta, il dolore ci fa crescere, questo "infinito dolore che ci cresce" come un genitore severo ma attento. E godere appieno della felicità quando arriva vale sicuramente il prezzo della sofferenza.
  • loretta margherita citarei il 12/09/2010 15:41
    il dolore è un amico che conosco bene, anzi benissimo, ma porta con se doni, quello di sfinare l'animo, fa comprendere ed apprezzare di più la gioia quando si presenta bella
  • Tim Adrian Reed il 12/09/2010 12:24
    Grazie Barbara, sono davvero contento che ti sia piaciuta!
  • Barbara Scarinci il 12/09/2010 10:45
    Triste ma secondo me molto vera. Piaciuta
  • Tim Adrian Reed il 12/09/2010 09:58
    Elisabetta e Laura, grazie mille per i vostri commenti e per l'apprezzamento. Il dolore può avere mille forme, dalla malinconia, alla nostalgia, alla disperazione, e ci accompagna come una presenza per tutta la nostra vita, facendosi sentire a tratti più forte ed a tratti quasi scomparendo... il dolore ci accompagna ma sta a noi godere di ogni gioia che la vita regala. Il dolore è il prezzo che dobbiamo pagare per tutte le gioie della vita. Quando esse vengono a mancarci soffriamo. Ma è meglio soffrire avendo provato la felicità, che non conoscere mai il suo sapore.
  • Laura cuoricino il 12/09/2010 09:36
    Triste considerazione in eccellente forma poetica!
    Il dolore purtroppo fa parte della nostra esistenza, è un complemento di sfumature pesanti che caratterizzano fasi della vita, MA ci son anche la rinascita, le piccole gioie, i sentimenti... per fortuna!
    Ciao, Cuoricino.
  • Elisabetta Fabrini il 12/09/2010 09:18
    Sei così sicuro che il dolore non ci abbandona mai???
    Bella e profonda riflessione..

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0