accedi   |   crea nuovo account

Opera

Ne lo ire
per
deserte e malinconiche
campagnole vie,
a lo lume
de nu mozzu
'e luna,
da cicale
e lucciole
accompagnato,
'na femena
da la chioma janca
e lo portamento
stuortu,
lu passu
me incorociò
e ma ricette:
- Me chiammu
Opera,
e quattrucientisittantri anni
aggiu,
e 'n'annu e cchiù
mittiti,
se mo,
ma liggiti.

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • laura marchetti il 12/09/2010 18:49
    una signora attempata ma con tanto tanto fascino...
  • giulietta daVerona il 12/09/2010 18:29
    Oh povera me, mi son de Verona se diffisile comprender lo stile tuo io legger ho, capir un po' meno il significato.
    giulietta daVerona.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0