username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Visioni

Stratagemmi
millenari riflussi eonici
improntato è l'occhio
perfetto
e declina il mio
inesorabilmente

La pietra ha reso giustizia
manipolata egregiamente
in quelle fattezze
l'immagine e la somiglianza
la fierezza dell'obiettivo
il superamento tra le dita
e un martello

Decisamente lo sguardo
mi tocca senza un bisogno carnale
né un cono catadriottico
senza la superbia
dell'estrazione pupillare

Vagante viventi amplessi
in centesimi di mille
incomprensibili notti
ruoto sull'alluce in piroette folli
denomino cordate di costellazioni
infanti
pulso flash di vita
senza direzione
diretta

Di fronte a me il silenzio
dell'infinito
sul volto d'una lucida
pietra bianca
in fondo al cuore
lo spazio immenso
d'una immensa
prigione

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

12 commenti:

  • laura cuppone il 21/09/2010 10:20
    Ringraziarvi é il minimo.. per la passione con cui mi leggete... con l'attenzione e la disponibilità.. a farvi prender per mano...

    grazie a tutti di cuore.
    Laura
  • Dark Side il 16/09/2010 00:17
    una sola parola: perfetta, nello stile e nella tematica, versi davvero grandiosi
  • Oryu LightWarrior il 15/09/2010 13:58
    Come al solito molto profonda e delicata, ha ragione giuseppe: sembrano note musicali!
  • Anonimo il 15/09/2010 11:42
    P. S:Il commento di questa poesia è collegato al commento della poesia Nomenclatura
  • Anonimo il 14/09/2010 19:00
    per l'ambizione e la vastita della tua ricerca, è un giudizio positivo credo, dipende dai punti di vista, anche l'uso di alcune parole mi ha dato l'impressione di una ricerca che punta ad una perfezione "divina", che sarebbe un peccato si perdesse nell'autocompiacenza, tieni conto comunque che è il commento di un profano che non ha nessuna dimestichezza con la poesia
  • Anonimo il 14/09/2010 10:26
    no mi sbagliavo, Sono DIO
  • Anonimo il 13/09/2010 18:56
    Molto particolare.
    Bella, bella.
  • Sergio Fravolini il 13/09/2010 18:43
    Molto struggente...

    Sergio
  • Anonimo il 13/09/2010 18:03
    Straordinaria chiusa!
    Sei sempre più brava!
    Dici bene... non è tristezza!


    A. R. G
  • laura cuppone il 13/09/2010 16:15
    questa non é tristezza ma consapevolezza... a volte fuori siamo liberi ma dentro no... come per contro chi subisce costrizioni fisiche suo malgrado, può esser capace d'esser libero anche oltre misura... dentro.

    chiavi di lettura.. riferimenti... paragoni...
    provo solo a fermarli... finchè mi passano per la testa.

    vi ringrazio loretta e Giuseppe!!!!!
    e vi abbraccio... anche!!!

    Laura

    Laura
  • Giuseppe Bellanca il 13/09/2010 15:52
    per il tuo modo d'esprimerti sei la mia favorita, i tuoi versi sono note musicali; il contenuto è sofferente e doloroso... sempre intense le tue, ciao doce fatina.
  • loretta margherita citarei il 13/09/2010 14:34
    molta sofferenza in questi versi, una prigionia dove difficile appare il volo, bella

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0