accedi   |   crea nuovo account

Un pasto mal servito

Non darmi il tuo amore
Se non lo genera il tuo cuore
Forzare una sensazione mal concepita
È come una pietanza non ben condita

Zucchero e miele
Non servono ad espugnar l'amaro fiele
Inondante l'infelicità d'un animo combattuto
Da esperienze che poco o male hai goduto
E da dilemmi che ti tormentano oggi
Per un domani al quale non offri appoggi

Hai voluto uccidere pur l'amicizia
Pensando d'estinguere un'ottusa mestizia

Essa non ti darà della vita l'aria pura
Che potrai sol respirar con una scelta sicura
Scoprendo la serenità, quella ricercata pace
Che sepolta da mille macerie dentro te giace.

 

1
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Aldo Riboldi il 16/09/2010 21:49
    Non dare amore se non lo genera il cuore... chi ama si accorge della finzione e soffre ancora di più...
    Bella poesia.
  • Anonimo il 13/09/2010 22:14
    ciao, credo che la tua sia davvero una magnifica poesia - by tonino
  • Sergio Fravolini il 13/09/2010 18:36
    Il passato un'orma invisibile che fa male...

    Sergio
  • Anonimo il 13/09/2010 18:27
    Riuscire a sconfiggere i malesseri del passato che ingabbbiano
    comportamenti presenti e futuri... l'unica soluzione ma difficile
    da attuare...
    Bella Vito, l'amore non corrisposto fa sempre rimanere perplessi...
  • Anonimo il 13/09/2010 17:51
    Parole che colpiscono al cuore!
    Ottima Vito!


    A. R. G

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0