PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Forse potrei

S'io fossi un pittore
potrei? con vacue vangate
di tela e colore
imprimere un istante di nuvole
così lesto altrimenti, a svanire:
tramonto; ove io colori duettano
di una irripetibile danza cheta.
E pur bastami d'essere vivo
e crogiolarmi l'anima del loro respiro.

 

1
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Enrico Ferrini il 14/09/2010 09:26
    A dirla tutta, ho scelto l'immagine delle vangate ad indicare come l'uomo, per quanto pittore, eccezionale pittore, sarà sempre rozzamente incapace di rappresentare la maestosità della natura. Da qui l'immagine cruda della vanga, simbolo di un'umanità troppo acerba per rappresentare (e per concepire davvero?) ciò che ha davanti... e Loretta, non chiedermi scusa, le critiche sono ben accette
  • Daniela Di Mattia il 14/09/2010 09:13
    secondo me invece il temine vangate rende l'idea di un movimento fulmineo atto ad imprimere su tela le nuvole che in un istante svaniscono. Piaciuta
  • loretta margherita citarei il 14/09/2010 08:43
    non mi piace quel vangate, storpia, a mio giudizio, ti chiedo scusa per questo, dovresti rivederla tutta.