PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Polvere, dovunque polvere

Una pellicola di polvere
ricopriva la nera tastiera,
sì che il color bianco nitido
delle lettere, ben s'accostava
al bianco grigiastro, addensato
lungo i bordi dei tasti.
L'istintiva repulsione, veniva
sconfitta dall'idea che quell'ostinato
mio pigiare, avesse una particolare utilità,
come quelle cose che all'apparenza
sembrano superflue, ma che
nella sostanza, racchiudono
incommensurabili significati.
Di altro aspetto erano i tasti
grigio metallizzati della collega,
che illuminati da lampade a
luminescenza, sembravano
quasi implorare d'esser pressati,
con sfavillante richiamo, e per
qualche istante s'insinuò in me
la tentazione d'avviar la postazione,
solo che all'improvviso pulviscoli
color corvino s'impadronirono
dell'artificiale oggetto, e mesto ricusai.

 

1
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Fabricio Luiz Guerrini il 15/09/2010 00:14
    Sono i nostri tasti che bisogna pigiare, anche se talvolta risulta difficile. Molto bella.
  • Laura cuoricino il 14/09/2010 13:46
    Versi pregevolmente intensi che lasciano un segno, Fabio, fanno riflettere e ti ringrazio pwer questo spunto...
    Ciao, Cuoricino.
  • Aedo il 14/09/2010 13:38
    Immagini simboliche, suggestive, che invitano alla riflessione. A volte siamo coperti dalla polvere, ma possiamo liberarcene... Bella poesia!
    Ignazio
  • loretta margherita citarei il 14/09/2010 08:39
    ed il vento dello spirito soffiò la polvere, intensi versi, bravo amico mio

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0