accedi   |   crea nuovo account

Si ce stava Spartaco, s'era già 'mpiccato

Più 'vve guardo, e più me chiedo
ma chi ve ce manna? a rompece l'anima,
co quee du cazzate, pe 'nfinocchià
le vecchie e l'ignoranti.
Ma io nun ce sto, a favve distrugge
er futuro mio, nun c'ho mica tempo
d'aspettà che na lezzione ve la dà er buon Dio.

E quinni gnente, tocca svejasse,
c'è poco da fa': tocca strigne li tempi,
bella gente, oppure qua, da salvà
nun ce rimane più gnente.
E 'a cosa che ppiù de tutte
tocca evità, è che se 'n se sbrigamo
ce se magneno pure la voja de cambià.

 

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti: